Minacce a Saviano e Capacchione, processo "bis" per avvocati e boss

Fissata l'udienza al tribunale di Roma dopo l'annullamento della sentenza di primo grado

Rosaria Capacchione e Roberto Saviano

Si celebrerà ad inizio giugno a Roma, dopo l'annullamento della sentenza di primo grado, il processo a carico del boss Francesco Bidognetti e dei due avvocati Michele Santonastaso e Carmine D'Aniello accusati delle minacce a Roberto Saviano e Rosaria Capacchione.

Il processo trae origine dal proclama letto in aula da Santonastaso nel 2008 con cui sarebbero stati minacciati lo scrittore e la giornalista oltre a diversi magistrati. E proprio le intimidazioni ai magistrati sono alla base dell'annullamento della sentenza di primo grado, pronunciata dal giudice di Napoli, con cui era stato condannato solo Santonastaso, condannato a 1 anno, mentre D'Aniello e Bidognetti erano stati assolti. Ma essendo i destinatari delle minacce magistrati il processo andava celebrato a Roma.  

Potrebbe interessarti

  • I 10 ristoranti dove si mangia il miglior pesce a Caserta

  • Bevanda disintossicante e sgonfiante: la ricetta per ridurre il girovita

  • Stirare d'estate è una tortura? Ecco come evitare il ferro da stiro e avere abiti perfetti

  • Caiazzo diventa set per la fiction ‘Un posto al sole’ I FOTO

I più letti della settimana

  • Sparatoria nel bar, ferito un uomo vestito da militare: è grave in ospedale | FOTO

  • Tenta strage con l’auto alla stazione e ferisce 2 donne casertane I FOTO

  • La 14enne accusa: "Mi hanno costretta ad andare da don Michele"

  • Schianto sull'Asse Mediano, muore motocicilista

  • Agguato con la pistola contro tre persone, arrestato dopo il blitz in casa

  • 3 ARRESTI Pizzo alla ditta di caffè, in manette fedelissimo di Iovine

Torna su
CasertaNews è in caricamento