"Ti metto una bomba in bocca". Nuove minacce a giornalista casertano

Sindacato ed Ordine esprimono solidarietà

"Ti metto una bomba in bocca". Ancora minacce al direttore di Campanianotizie.com Mario De Michele. Dopo l’aggressione avvenuta nel periodo elettorale e i proiettili ricevuti a casa, stavolta le minacce arrivano su Facebook per un articolo sulla raccolta dei rifiuti a Orta di Atella, Comune del Casertano ad alta densità criminale. Il Sindacato unitario giornalisti della Campania, la Fnsi e Articolo21 – sezione Campania – sono al fianco del collega, il cui caso è già stato portato all’attenzione del ministro dell’Interno dal segretario della Fnsi Raffaele Lorusso. La Prefettura, inoltre, ci ha assicurato che è già stata attivata una tutela nei suoi confronti. Anche il presidente dell'Ordine dei Giornalisti Ottavio Lucarelli ha manifestato la propria vicinanza al collega casertano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' inconcepibile che un giornalista della nostra provincia sia continuamente minacciato nello svolgimento del suo lavoro" ha dichiarato il coordinatore provinciale di Mdp-Leu Alessandro Tartaglione. "Ci auguriamo - continua Tartaglione - che gli organi inquirenti preposti individuino i responsabili ponendo fine agli attacchi, alle intimidazioni e alle minacce subite da De Michele, affinché questi possa continuare a svolgere in libertà la sua attività giornalistica così come prevede l'articolo 21 della Costituzione italiana".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento