Pentiti ed arresti non hanno scalfito i Casalesi. Ecco la nuova mappa dei clan nel casertano I FOTO

La relazione della Dia al Parlamento fotografa il cambio di rotta degli eredi di Sandokan: niente armi, i soldi si fanno grazie ad imprenditori (e politici). L'inquietante messaggio sulla casa del collaboratore conferma la presenza ancora attuale dell'organizzazione criminale

La mappa del radicamento dei clan sulla provincia di Caserta

E' ancora il clan dei Casalesi a spadroneggiare, nonostante gli arresti ed i pentimenti eccellenti, su tutta la provincia di Caserta. E' quanto emerge dalla relazione semestrale che la Dia invia al Parlamento. Gli atti relativi al secondo semestre 2018 fotografano una situazione che è parsa già chiara dalle indagini condotte dagli inquirenti in questi ultimi mesi: ormai il clan cerca di utilizzare sempre meno le armi, ma resta comunque presente nel tessuto sociale con la sua "forza imprenditoriale" anche grazie all'appoggio di colletti bianchi che così riescono a costruire il proprio impero economico. "Il cartello- si legge nella relazione - è riuscito nel tempo ad affiancare forme di condizionamento della realtà politica locale" oltre alla gestione delle estorsioni, del traffico di droga e delle scommesse d'azzardo.

Il messaggio sulla casa del pentito

"Indicativo" del controllo che ancora oggi il clan dei Casalesi riesci ad avere sul territorio è "quanto avvenuto il 10 ottobre 2018, a San Cipriano d’Aversa, dove, sul portone di ingresso della casa di un collaboratore di giustizia, già affiliato al clan, è comparsa la scritta “chi entra in questa casa è un pentito”. L’immobile, disabitato, nel 2013 è stato sequestrato in esecuzione di un decreto della Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere". Finora le inchieste giudiziarie, lo stato di detenzione di quasi tutti i fondatori e di numerosi affiliati storici, la collaborazione con la giustizia di esponenti di spicco (in ultimo Nicola Schiavone, figlio di Sandokan) "non sembrano avere comunque inciso radicalmente sui precedenti assetti, come invece accaduto in alcune aree napoletane". Gli eredi di Francesco Schiavone Sandokan, Antonio Iovine, Michele Zagaria e Francesco Bidognetti continuano ad essere "molto presenti" sul territorio.

I boss comandano anche dal carcere

Molti esponenti di rilievo, anche se ristretti in carcere, controllano le zone di influenza, impartendo ordini all’esterno, mentre capi, gregari e fiancheggiatori dell’organizzazionedetenuti continuano ad usufruire dei “benefici” di appartenenza al sodalizio, come l’assistenza economica in carcere, le spese di giustizia e il sostentamento della famiglia. "Per il sodalizio - sottolinea la Direzione Investigativa Antimafia - è quindi fondamentale anche il ruolo di coloro che, presenti sul territorio, avvalendosi della perdurante forza di intimidazione del clan, persistono nella consumazione di reati funzionali a mantenere inalterate le ricchezze del gruppo".

La mappa dei clan in provincia di Caserta

Alla presenza così radicata Casalesi, si somma quella di altri sodalizi, che fanno comunque riferimento ai primi. In particolare,nei Comuni di Sessa Aurunca, Cellole, Carinola, Falciano del Massico e Roccamonfina è attivo il clan Esposito detto dei‘Muzzoni’. Sul territorio di Santa Maria Capua Vetere sono attivi due gruppi criminali, la famiglia Del Gaudio-Bellagiò e l’antagonista famiglia Fava, entrambi gravitanti nell’orbita del cartello dei Casalesi. Nell’area capuana, che comprende i comuni di Santa Maria La Fossa, Capua, Vitulazio, Bellona, Triflisco, Grazzanise, Sparanise e Pignataro Maggiore, permane l’influenza dei gruppi Mezzero, Papa e Ligato. Nel mese di settembre è stato eseguito un provvedimento a carico di affiliati al gruppo Mazzara proiezione del clan Schiavone a Cesa. Sul litorale domitio, con epicentro Mondragone, sono operativi il clan Fragnoli-Gagliardi-Pagliuca ed esponenti del gruppo La Torre, che ha sempre agito in posizione autonoma rispetto ai Casalesi.

mappa clan camorra provincia caserta-2

Nell’area marcianisana, storicamente al di fuori del cartello casalese, è egemone il clan Belforte, detto dei Mazzacane, una delle “realtà criminali” più potenti del casertano, strutturata secondo il modello casalese, che estende la sua influenza a Caserta e nei Comuni confinanti di San Nicola la Strada, San Marco Evangelista, Casagiove, Recale, Macerata Campania, San Prisco, Maddaloni, San Felice a Cancello e Santa Maria Capua Vetere. Indagini del recente passato hanno fatto luce sugli accordi, finalizzati alla gestione dei traffici di stupefacenti, tra i Belforte e il suo storico antagonista, il gruppo Piccolo-Letizia. Nell’orbita dei Belforte operano altri piccoli gruppia struttura familiare, quali i Meditti, presenti a Recale e San Prisco e la famiglia Bifone che opera a Macerata Campania, Portico di Caserta, Casapulla, Curti, Casagiove e San Prisco. Nel comprensorio di San Felice a Cancello, Santa Maria a Vico ed Arienzo è operativo un gruppoche costituisce una derivazione della famiglia Massaro. A Maddaloni è presente il gruppo Marciano legato ai Belforte.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta sulla provinciale: morta studentessa 24enne | LE FOTO

  • Dramma all'alba, muore noto avvocato

  • Il tesoro del killer dei Casalesi: in 11 rischiano la condanna

  • Gas dei Casalesi, 4 pentiti provano ad inchiodare i manager della Coop

  • Sequestrati 200 kg di prodotti in un bar-pasticceria

  • Sacerdote litiga coi fedeli e abbandona la messa

Torna su
CasertaNews è in caricamento