Imprenditore arrestato, il pentito: "Rapporti quasi fraterni con Zagaria"

Restina ha raccontato ai magistrati la posizione di Inquieto

Vincenzo Inquieto e Michele Zagaria

"Rapporti quasi fraterni". Così il pentito del clan dei Casalesi Generoso Restina, molto vicino negli anni al capoclan Michele Zagaria, definisce i collegamenti tra l'ex primula rossa del clan ed il suo vivandiere, Vincenzo Inquieto, imprenditore di Aversa, arrestato sabato sera all'aeroporto di Capodichino dagli uomini della Dia mentre stava tornando in Italia dalla Romania.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riporta l'AdnKronos, Inquieto, che era già stato arrestato e condannato per aver ospitato il latitante nella sua abitazione di via Mascagni a Casapesenna (dove fu stanato Zagaria il 7 dicembre 2011), avrebbe continuato ad essere un uomo di grande fiducia per il boss e dopo l'arresto del fratello Nicola (condannato a 16 anni di carcere, in primo grado, nei mesi scorsi) avrebbe preso in mano le attività nell'est Europa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

  • Tre casertani positivi al tampone per il coronavirus

  • Terrore in corso Giannone, albero della Reggia crolla in strada | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento