L'imprenditore del clan sfila in aula per rispondere ai magistrati

Nicola Inquieto è ritenuto dall'Antimafia il gestore dell'impero di Zagaria in Romania

Nicola Inquieto

E' proseguito anche nella giornata di martedì, davanti ai giudici del tribunale di Napoli Nord, l’esame dell'imprenditore Nicola Inquieto, 44 anni di Aversa, accusato di collegamenti con il clan dei Casalesi e ritenuto il gestore - secondo la Dda di Napoli - dell'impero del boss Michele Zagaria a Pitesti, in Romania.

Inquieto, detenuto nel carcere di Secondigliano, è stato estradato dalla Romania per il tempo necessario del processo che dovrà concludersi entro la fine del mese, in quanto destinatario di altri procedimenti in Romania. 

L'imprenditore, riporta l'AdnKronos, ha risposto fornendo la sua versione dei fatti al pubblico ministero antimafia Maurizio Giordano. Il controesame della difesa è fissato per lunedì 13 mentre nei giorni a seguire è prevista la requisitoria e la discussione della difesa. 

Inquieto fu arrestato in Romania  un anno fa,  in virtù di un mandato di arresto della Procura europea Eurojust, spiccato nei suoi confronti in seguito ad un'inchiesta della Dia per associazione camorristica e sul presunto reinvestimento di capitali del boss Zagaria e venne consegnato alle autorità italiane in via temporanea.  

Potrebbe interessarti

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

Torna su
CasertaNews è in caricamento