Infermiere assolto dopo 70 giorni agli arresti

Era stato prima accusato per rissa, poi di lesioni. Dopo quasi 5 anni arriva la svolta

Assolto perché il fatto non costituisce reato. Ci sono voluti quasi cinque anni di processi e 70 giorni agli arresti (15 in carcere e 55 ai domiciliari) per arrivare ad una prima sentenza alla vicenda processuale che vede coinvolto A.G., 51 anni di Caserta, infermiere presso l'azienda ospedaliera Sant'Anna e San Sebastiano, che era rimasto coinvolto in una rissa nell'ottobre 2014 fuori ad un noto bar nei pressi di piazza Pitesti nel Capoluogo con altre tre persone.

A scatenare la rissa fu una lite con una collega infermiera, che spinse marito e due figli a partire da Castel Campagnano per raggiungere Caserta e "chiarire la vicenda". Ne nacque una lite e ad avere la peggio fu proprio il marito dell'infermiera. La Procura aprì un'indagine per la rissa (arrestando il 51enne di Caserta) che però venne archiviata dopo alcuni mesi. Gli atti furono inviati ad un nuovo magistrato per le lesioni riportate e ne è nato un processo che si è concluso con l'assoluzione dell'infermiere difeso dall'avvocato Vincenzo Iorio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • La speranza è finita: Fioravante è stato trovato morto

  • Cenerentola chiude, l'addio in una lettera: "50 anni bellissimi"

  • Il figlio non torna a casa, papà lo trova con gli amici e accoltella un 16enne

  • Blitz di Luca Abete a Marcianise dopo il servizio sul reddito di cittadinanza

  • Traffico in tilt all'uscita di Caserta Sud

Torna su
CasertaNews è in caricamento