Muore per salvare la nipote, aperta l'indagine

La capitaneria di porto ha accertato che al momento della tragedia era esposto il divieto di balneazione

La bandiera rossa, che avvisava che il mare era molto agitato e vietata dunque di bagnarsi, era regolarmente esposta, così come la postazione del bagnino era lì dove doveva essere. E' quanto hanno accertato gli uomini della Capitaneria di Porto di Castel Volturno guidati da Massimiliano Riccio, intervenuti sul luogo della tragedia avvenuta nel pomeriggio di domenica nei pressi del lido California in località Ischitella, a Castel Volturno. Responsabilità a carico del lido al momento non sono state riscontrate, ma è stata aperta un'indagine sul caso.

Un uomo di 71 anni, Antonio Pipolo, è morto domenica nel nel tentativo di mettere in salvo la nipotina di 10 anni che rischiava di annegare. L'intervento dei bagnini ha probabilmente salvato la vita della nipote minorenne dell'anziano e di un'altra ragazza coetanea. Le due si erano tuffate intorno alle 15, e con loro sembra ci fosse il 71enne. La figlia dell'uomo, madre della bimba di 10 anni, ha raccontato di aver sentito le urla delle due ragazze provenire da una ventina di metri dalla riva.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • La speranza è finita: Fioravante è stato trovato morto

  • Poligono di tiro sequestrato dai carabinieri | FOTO

  • Prima uscita pubblica dei renziani: ecco chi ci sarà a Caserta

  • Il figlio non torna a casa, papà lo trova con gli amici e accoltella un 16enne

  • Cenerentola chiude, l'addio in una lettera: "50 anni bellissimi"

Torna su
CasertaNews è in caricamento