Doppi incarichi, la Finanza indaga su dirigente dell'Asl

Chiesta documentazione anche a Caserta. Nel mirino un dirigente che è anche responsabile dell'Anti Corruzione. Ed il manager potrebbe essere 'pensionato'

La Guardia di Finanza ha aperto una indagine sui doppi incarichi ricevuto da un funzionario di una Asl napoletana e nel mirino finisce anche l’azienda sanitaria locale di Caserta. 

Il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Napoli ha chiesto agli uffici di via Unità italiana a Caserta tutta la documentazione relativa agli incarichi affidati e liquidati al funzionario, che attualmente ricopre anche l’incarico di dirigente anti corruzione, che avrebbe incassato somme non dovute per incompatibilità. 

L’indagine sui doppi incarichi (uno dei quali già accertato, pari ad una somma di circa 2500 euro) è relativa al periodo che va dal 2009 al 2019 e potrebbe finire con una segnalazione alla Corte dei Conti se i finanzieri dovessero effettivamente verificare che il dipendente in questione ha incassato somme non dovute. Un fatto non di poco conto, considerando che lo stesso dirigente è anche membro di alcune commissioni di concorsi in atto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto, negli uffici casertani dell’Asl, si sta riflettendo anche su quello che potrà essere il futuro dell’attuale direttore generale Mario De Biasio. Il quale, lunedì, ha compiuto 65 anni e, per questo motivo, potrebbe essere “pensionato” così come è accaduto nei mesi scorsi al direttore della Reggia di Caserta Mauro Felicori, in base a quanto prescrive la legge, che stabilisce la quiescenza obbligatoria per limiti di età dei dipendenti pubblici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento