Muore sulla Provinciale dopo la carambola tra 3 auto

Il 36enne viaggiava a bordo di un furgone con un amico che è in gravi condizioni. Ferita anche una ragazza

Un 36enne morto, un altro in prognosi riservata ed una ragazza in ospedale con una frattura al ginocchio. E' questo il drammatico bilancio dell'incidente che si è verificato nella serata di ieri, giovedì 4 giugno, lungo la strada Provinciale 18, a Villa Literno. 

Stando ad una prima ricostruzione operata dagli agenti della polizia stradale la persona deceduta, T.S. di Mugnano di Napoli, stava percorrendo la strada alla guida di un furgone quando ha tamponato una vettura che lo precedeva. In seguito all'impatto il furgone ha invaso la corsia opposta andando a schiantarsi frontalmente con un'altra auto, una Lancia Ypsilon, guidata da una ragazza. 

L'impatto è stato violentissimo. Il conducente del furgone, che stava rientrando a casa dopo aver effettuato alcuni lavori nei campi (almeno a giudicare dagli arnesi rinvenuti all'interno del veicolo), è morto sul colpo. Quando sono giunte le ambulanze per lui non c'era nulla da fare. La persona che era con lui, al momento ancora non identificata, è stata invece portata in ospedale dove si trova ricoverato in gravissime condizioni. I medici ancora non hanno sciolto la prognosi per lui. 

Nell'incidente è rimasta ferita anche la conducente della Lancia Ypsilon che ha riportato una frattura al ginocchio in seguito all'impatto frontale. Le persone che viaggiavano a bordo della prima auto tamponata, invece, se la sono cavata con lesioni giudicate guaribili in pochi giorni. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento