Auto finisce contro il muretto dopo il violento schianto: 2 feriti | FOTO

Gli automobilisti soccorsi dal 118 e portati in ospedale

Le due automobili coinvolte nell'incidente

Violento scontro sulla Strada Provinciale 212, in località San Girolamo, in prossimità del cimitero di Cellole.

Due vetture sono rimaste coinvolte nello schianto: una Fiat Panda guidata da una 48enne di Sparanise ed una Kia con a bordo un 51enne di Carano (frazione di Sessa Aurunca). Entrambi I conducenti hanno riportato ferite nello scontro e sono stati trasportati d'urgenza dal 118 presso l'ospedale civile San Rocco di Sessa Aurunca.

L'incidente si sarebbe verificato, secondo i primi rilievi effettuati dalla polizia municipale di Cellole con l'ausilio del drone, a causa di una manovra azzardata. L'urto violento tra le due autovetture ha fatto sì che la Fiat Panda si rigirasse su se stessa schiantandosi contro un muretto, mentre la Kia sarebbe stata sobbalzata a circa 20 metri di distanza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giunti sul posto anche i carabinieri della Stazione di Baia Domizia. Entrambi i conducenti sono stati sottoposti ai test alcolemici e per il rilevamento di sostanze stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

  • Droga venduta al bar sull'asse Caivano-Caserta, 11 indagati

Torna su
CasertaNews è in caricamento