Incendio alla Lea, trovati rifiuti tossici I FOTO

Gli accertamenti della polizia giudiziaria dei vigili del fuoco sulla natura presumibilmente dolosa

L'intervento dei vigili del fuoco alla Lea di Marcianise

Oltre 2000 metri cubi di rifiuti ancora giacenti presso la Lea Srl, società di stoccaggio e trattamento di rifiuti pericolosi e non sita nell'area industriale di Marcianise. L'incendio si è propagato dopo le 13 e vede ancora impegnate 5 squadre dei vigili del fuoco di Caserta e Marcianise a domare le fiamme con l'ausilio di due autobotti con una capienza di 8000 litri d'acqua, una chilolitrica da 28mila litri, un carro schiuma ed un carro aria.

Durante le operazioni di spegnimento i caschi rossi hanno scovato rifiuti tossici interrati e per tale motivo si è richiesto il supporto della NBCR di Caserta squadra antibatteriologica del corpo dei vigili del fuoco per il trattamento di sostanze tossiche ed inquinanti. Richiesto anche il supporto del GOS da Napoli per le operazioni di smassamento dei cumuli putrescenti ed anneriti mediante escavatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'incendio in parte é stato contenuto. Proseguono le operazioni di accertamento sulla natura presumibilmente dolosa ad opera della polizia giudiziaria dei caschi rossi e le analisi ad opera del personale Asl ed Arpac giunto presso il sito di stoccaggio. L'area marcianisana della Lea Srl nell'ottobre scorso era già stata teatro di un rogo di ingenti dimensioni avvenuto a pochi giorni dal sequestro dell'impianto che portò all'arresto ad opera della guardia di finanza di Marcianise, del titolare e di due autotrasportatori per gestione e traffico illegale di rifiuti. Difatti al momento dell'incendio è stata necessaria la presenza dei carabinieri di Marcianise per la rimozione dei sigilli al sito consentendo così le opere di spegnimento ad opera dei caschi rossi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Tragedia al ritorno dal mare: muore 19enne, grave il fratello

Torna su
CasertaNews è in caricamento