Nube tossica: la Procura apre l'inchiesta

Si sospetta la natura dolosa dell'incendio alla Di Gennaro

Il rogo alla Di Gennaro

Il sospetto è che si possa trattare di un rogo doloso. L'incendio che è divampato mercoledì alla Di Gennaro di Pascarola, a confine con i comuni casertani di Marcianise ed Orta di Atella, e che ha intossicato l'aria di numerosi comuni (almeno 8 quelli inseriti nella zona rossa) potrebbe essere frutto della folle mano dell'uomo.

Per fugare ogni dubbio la Procura di Napoli Nord ha aperto un fascicolo di indagine. Per il momento si tratta di un'attività conoscitiva per la quale il Procuratore Francesco Greco ha delegato i carabinieri di Casoria. Si dovrà attendere la conclusione delle operazioni di spegnimento e messa in sicurezza del sito per effettuare i dovuti rilievi tecnici e verificare le cause del rogo all'interno del sito di stoccaggio di rifiuti plastici.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento