"Gomorra fa male". Appello a Roberto Saviano: firma anche Verdone

Intanto la terza stagione sarà messa in onda anche nel Regno Unito

L'attore casertano Marco D'Amore e Salvatore Esposito, protagonisti di Gomorra

“Anche il questore De Jesu e Carlo Verdone si sono aggiunti al lungo elenco di coloro che si dicono preoccupati per gli esempi negativi che Gomorra dà, soprattutto perché racconta e mitizza solo una parte della realtà, quella dei camorristi, dimenticando invece chi combatte la camorra giorno per giorno”. Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, con il conduttore radiofonico Gianni Simioli lanciando un appello allo scrittore casertano Roberto Saviano, ispiratore e sceneggiatore della serie, affinché “nella quarta serie racconti la camorra e le dinamiche dei clan, evidenziando anche la lotta che i camorristi sono costretti a fare con le forze dell’ordine e l’impegno dei tanti volontari che si impegnano per alimentare la cultura della legalità. C'è bisogno di una svolta narrativa e sociale che a questo punto solo Saviano può imporre”.

Intanto sono stati resi noti i dettagli della messa in onda della terza stagione di Gomorra nel Regno Unito. Tutti e 12 i nuovi episodi della popolare serie sulla mafia saranno disponibili come boxset su Sky Atlantic dal 31 gennaio 2018. Doppi episodi dello show saranno inoltre trasmessi tutti i mercoledì (dal 31 gennaio) alle 21:00 su Sky Atlantic (da Screen International). Nel cast anche l'attore casertano Marco D'Amore che però dopo questa stagione non vi farà più parte.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento