Il gioco d'azzardo dei Casalesi, pena dimezzata per Bianco

Esclusa l'aggravante mafiosa e dichiarata la prescrizione per altri 4 imputati

La decisione della Corte d'Appello

Pena dimezzata per Massimo Bianco e revoca dell'obbligo di dimora, dichiarata la prescrizione dei reati per altri 4 imputati. Si è concluso così il processo d'Appello a carico di 5 persone coinvolte nell'inchiesta "Rischiatutto", sulla gestione del gioco d'azzardo da parte del gruppo Schiavone del clan dei Casalesi.

La Corte d'Appello di Napoli - dopo l'annullamento della precedente sentenza da parte della Cassazione - ha condannato Massimo Bianco (difeso dagli avvocati Mario Griffo e Carlo De Stavola) a 5 anni e 8 mesi (in luogo dei 10 anni e 4 mesi inflitti con precedente giudizio) disponendone la revoca della misura del divieto di dimora. Esclusa l'aggravante mafiosa è stata dichiarata la prescrizione nei confronti di Ioana Ancuta Gurlui, Epaminonda Noviello, Vincenzo Noviello e Nicola Paolella. Nel collegio difensivo sono stati, inoltre, impegnati gli avvocati Romolo Vignola ed Elisabetta Carfora. 

Potrebbe interessarti

  • Buco nel pavimento del pronto soccorso, donna cade e si fa male

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

  • Come smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio alle sigarette

I più letti della settimana

  • Il casertano brucia di calore: temperature a 50 gradi

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • Le previsioni meteo per Ferragosto nel casertano

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

  • Schianto in autostrada: due km di coda

  • Tragedia in spiaggia, muore annegato davanti ai turisti

Torna su
CasertaNews è in caricamento