Gazebo all'esterno dei bar: la Procura rinuncia al ricorso

Le strutture sono state già smontate e non ha senso chiederne il sequestro

I gazebo sequestrati per la mancanza di autorizzazioni

La Procura della Repubblica rinuncia al nuovo sequestro dei gazebo all'esterno dei bar di Caserta per la "sopravvenuta carenza di interesse", in quanto le strutture ritenute abusive sono state di fatto smontate.

Era l'inizio di ottobre quando la Procura sammaritana aveva disposto il sequestro di pedane, sedie e tavolini all'esterno di una ventina tra bar e locali del centro storico in quanto sprovvisti delle autorizzazioni da parte della Soprintendenza. Sequestro, di fatto, non convalidato dal gip Enea motivo per cui il pm Battiloro, titolare delle indagini, aveva fatto ricorso al Riesame per chiedere nuovamente la misura preventiva.

Successivamente il comune di Caserta è corso ai ripari "annullando" il rinnovo automatico delle autorizzazioni subordinandolo al parere della Soprintendenza. Pareri che tardano ad arrivare e che quindi hanno spinto i commercianti a smontare le strutture esterne. Per questo la Procura ha rinunciato al proprio ricorso. In altre parole non è necessario strutture di fatto già smontate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si attende, ora, la decisione ufficiale da parte del giudice Caparco. Intanto alla fine di febbraio è arrivata la chiusura delle indagini a carico di 23 persone coinvolte, tra commercianti e dirigenti comunali. Nel collegio dei difensori degli indagati ci sono, tra gli altri, gli avvocati Paolo Sperlongano, Isabella Casapulla e Vincenzo Iorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento