Il gasolio di contrabbando è il nuovo business dei Casalesi

Nuovi 'soldi facili' per il gruppo criminale

Carburante di contrabbando: il nuovo business del clan dei Casalesi. E' quanto emerge da un recente rapporto della Guardia di Finanza sulle mafie.

In base ad attività investigative, riporta l’AdnKronos, nel corso di operazioni di sequestri preventivi di beni effettuati dalle Fiamme Gialle (oltre un milione e mezzo di euro solo nel 2018) alla camorra, salta fuori che il nuovo affare criminale dei clan campani che frutta soldi 'facili', oltre alla droga e al gioco illegale è il gasolio di contrabbando. 

Dalla Polonia arriverebbero carichi di carburante illegale che seguono varie rotte per giungere in Italia. Un'economia parallela che nasconde nomi di società di comodo per favorire i traffici illeciti del clan dei Casalesi. Questo è stato confermato anche da due importanti sequestri effettuati, alcuni mesi fa, dai militari della Finanza al confine col Brennero (oltre 55mila litri di gasolio) ed a Castel Volturno: entrambi erano provenienti dalla Germania attraverso il territorio polacco.

In particolare, nel territorio casertano, oltre al rinvenimento di circa 90mila litri di olio lubrificante per auto, è stata scoperta e sequestrata una fabbrica abusiva di imbottigliamento dell'olio che sarebbe finito nei motori di innumerevoli auto.

Potrebbe interessarti

  • Buco nel pavimento del pronto soccorso, donna cade e si fa male

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

I più letti della settimana

  • Il casertano brucia di calore: temperature a 50 gradi

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • Le previsioni meteo per Ferragosto nel casertano

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Schianto in autostrada: due km di coda

Torna su
CasertaNews è in caricamento