Rubano 2 quintali di pesche, ladri scarcerati dopo meno di 24 ore

I tre erano stati arrestati ieri dopo la segnalazione del proprietario del terreno

Le pesche trovate nel bagagliaio dell'auto

E' durata meno di 24 ore la detenzione di tre persone che hanno fatto razzia di pesche, derubando il proprietario di un frutteto a Vitulazio.

I tre uomini, tutti di Frignano, ieri, sono stati arrestati dai carabinieri di Capua per furto aggravato e danneggiamento di piante. Sono stati fermati in flagranza di reato dopo la segnalazione dell'agricoltore, titolare del terreno, che era riuscito ad annotarsi il numero di targa della vettura dei ladri, una Lancia Y.   

Il terzetto è stato rintracciato sulla Casilina e a seguito di perquisizione i militari hanno rinvenuto due quintali di pesche nascosti nel portabagagli dell'auto. I ladri, una volta identificati, C.M. 27 anni,  B.G., 18 anni, e G.V., 43 anni, sono stati  portati in camera di sicurezza in attesa della direttissima celebrata questa mattina dinanzi al tribunale di Santa Maria Capua Vetere.  

Il gip Carotenuto dopo aver ascoltato i tre li ha scarcerati, applicando solo a G.V. la misura dell'obbligo di presentazione all'autorità giudiziaria per alcuno precedenti specifici. L'avvocato difensore Mirella Baldascino ha sostenuto che non si trattava di due quintali di pesche ma di solo 50 chili, perché tutto quel quantitativo non poteva essere trasportato in una Lancia Y, inoltre, si trattava di pesche raccolte a terra non dalle piante.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Sospetto Coronavirus, paziente isolato. Si attiva il protocollo

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

Torna su
CasertaNews è in caricamento