Ruba corrente per alimentare il bunker del boss

La vivandiera di Zagaria a processo per furto di energia elettrica

Rosaria Massa

Un allaccio abusivo alla corrente elettrica per alimentare il bunker dove si nascondeva il boss dei Casalesi Michele Zagaria, in via Mascaagni a Casapesenna dove venne arrestato nel 2011. Questa l'ipotesi della Procura di Santa Maria Capua Vetere che ha rinviato a processo Rosaria Massa, moglie di Vincenzo Inquieto, vivandiera del capoclan.

Secondo quanto riferito da Cronache di Caserta la Massa avrebbe alimentato l'abitazione dove si nascondeva il boss con energia elettrica rubata all'Enel. Ieri dinanzi al giudice Stadio del tribunale sammaritano si è celebrata un'udienza del processo durante la quale è stato ascoltato un poliziotto che ha riferito come quel contatore fosse intestato ad una persona deceduta. Il processo è stato dunque rinviato per il prosieguo del dibattimento. 

Potrebbe interessarti

  • Un casertano ai mondiali dei parrucchieri a Parigi

  • Frutti rossi ed anguria per combattere le gambe gonfie e pesanti

  • Trucco illuminante: ecco la nuova tecnica e come applicarla

  • Menopausa: ecco i consigli per viverla con serenità

I più letti della settimana

  • Pentiti ed arresti non hanno scalfito i Casalesi. Ecco la nuova mappa dei clan nel casertano I FOTO

  • TERREMOTO Trema la terra nel casertano

  • Colpo da 'Zara', fermata dai carabinieri con mille euro in vestiti

  • Lutto a Caserta, muore avvocato

  • Trovato morto dalla moglie sotto il porticato di casa

  • Camion 'casertano' si schianta in autostrada e perde il carico | LE FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento