Ruba corrente per alimentare il bunker del boss

La vivandiera di Zagaria a processo per furto di energia elettrica

Rosaria Massa

Un allaccio abusivo alla corrente elettrica per alimentare il bunker dove si nascondeva il boss dei Casalesi Michele Zagaria, in via Mascaagni a Casapesenna dove venne arrestato nel 2011. Questa l'ipotesi della Procura di Santa Maria Capua Vetere che ha rinviato a processo Rosaria Massa, moglie di Vincenzo Inquieto, vivandiera del capoclan.

Secondo quanto riferito da Cronache di Caserta la Massa avrebbe alimentato l'abitazione dove si nascondeva il boss con energia elettrica rubata all'Enel. Ieri dinanzi al giudice Stadio del tribunale sammaritano si è celebrata un'udienza del processo durante la quale è stato ascoltato un poliziotto che ha riferito come quel contatore fosse intestato ad una persona deceduta. Il processo è stato dunque rinviato per il prosieguo del dibattimento. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Omicidio Tondi, la psicoterapeuta di Emilio: “Era preoccupato per il suo bambino”

  • Attualità

    Blitz alla Reggia del nuovo direttore. Tour nelle stanze pagando il biglietto

  • Cronaca

    Abusi edilizi, tutto da rifare per i 62 indagati: il giudice si dichiara incompetente

  • Attualità

    Mortalità record, Caserta è seconda solo a Napoli

I più letti della settimana

  • Chef della Movida casertana picchiata con pugni e mazze

  • A Pineta Grande una tecnica all'avanguardia per la colonscopia

  • 'Contrabbando' di auto di lusso, stangata per i professionisti casertani

  • Omicidio in clinica: soffocato con l'ovatta mentre dorme

  • Assalto armato alle Poste in pieno giorno

  • Colpo da 100mila euro alle Poste, dipendente colto da malore

Torna su
CasertaNews è in caricamento