Decine di colpi nei condomini, acciuffata la banda: in 3 nei guai

Per due persone si sono aperte le porte del carcere, per un terzo indagato l'obbligo di dimora

Sono accusati di aver messo a segno almeno 15 colpi nelle case, fra l'aprile del 2017 e il giugno 2018: arrestati 2 uomini di Afragola dalla Polizia della Questura di Caserta, che ha dato esecuzione ad un'ordinanza emessa dal Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Per il 31enne Ferdinando Celardo e il 44enne Domenico Taddeo si sono aperte le porte del carcere mentre per per il 47enne Domenico Iazzetta è arrivato il provvedimento di obbligo di dimora nel Comune di residenza. 

La polizia ha ricostruito una serie di furti (consumati o tentati) all'interno di alcuni garages tra la provincia di Caserta e Benevento. Le indagini sono partite da tre furti commessi a Caserta ai danni di altrettanti immobili tra il 20 e 21 aprile 2017. 

E' stato accertato che gli idnagati prima individuavano i box dei condomini, poi danneggiavano le porte dei box auto e poi portavano via tutto il materiale di valore presente. Rubati generi alimentari, capi d'abbigliamento, biciclette, attrezzi di lavoro e in una occasione anche un quad. 
Celardo dopo aver messo a segno il colpo aveva, in due occasioni, denunciato il furto dell'automobile con la quale aveva messo a segno il colpo. La falsa denuncia aveva come obiettivo quello di eludere le indagini della polizia giudiziaria. Sì perché in una occasione Celardo era riuscito a scappare lasciando però l'auto piena di refurtiva in seguito al blitz delle forze dell'ordine. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Celardo e Taddeo sono stati rinchiusi nel carcere di Poggioreale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

  • Droga venduta al bar sull'asse Caivano-Caserta, 11 indagati

Torna su
CasertaNews è in caricamento