Furbetti del cartellino reintegrati e risarciti

Il Tribunale del Lavoro dichiara illegittima la riduzione del salario

I furbetti del cartellino sono tornati a lavoro

Reintegrati e risarciti. I 25 dipendenti dell'Asl di Maddaloni finiti al centro dell'inchiesta sull'assenteismo che aveva portato anche ad arresti nel giugno 2016 sono stati "illegitimamente sospesi" dal lavoro.

E' quanto ha stabilito il giudice del Lavoro del tribunale di Santa Maria Capua Vetere nel ritenere illegittimo il provvedimento disciplinare da parte dell'Azienda. I magistrati hanno disposto prima il reintegro al lavoro poi la sospensione della riduzione salariale, circa il 50% dello stipendio, che ora dovrà essere quantificata e restituita. Il motivo risiede nel fatto che l'Asl non ha atteso gli esiti del processo penale (che prenderà il via in fase preliminare alla fine di febbraio) adottando il provvedimento sanzionatorio che ora è stato punito dal Tribunale del Lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le auto di lusso del "signore della cocaina" nascoste in un garage casertano

  • La Dea Bendata bacia Caserta con una quaterna da 124mila euro

  • Benzina 'truccata', la finanza sequestra distributore di carburante

  • Scuole chiuse in provincia di Caserta: ecco i sindaci che hanno già firmato

  • “Un Mose anche per Caserta”. La foto che fa il giro del web

  • Il convento delle suore finite sotto indagine diventa proprietà del Comune

Torna su
CasertaNews è in caricamento