L'omicidio di Serena, in 5 rischiano il processo

La ragazza uccisa nella caserma dei carabinieri: tre militari davanti al giudice

Serena Mollicone

Fissata l'udienza preliminare per 5 persone per l'omicidio di Serena Mollicone, la studentessa di Arce uccisa nel 2001 nella caserma dei carabinieri del piccolo centro in provincia di Frosinone.

Secondo quanto riferisce FrosinoneToday, dovranno comparire dinanzi al magistrato del tribunale di Cassino, nell'udienza fissata a novembre, l'ex comandante della caserma dei Carabinieri di Arce, Franco Mottola, del figlio Marco, della moglie Anna (tutti di Teano). Con loro a giudizio anche l'ex vice comandante Vincenzo Quatrale e l'appuntato Francesco Suprano. Per i tre membri della famiglia Mottola l’accusa è di omicidio volontario ed occultamento di cadavere. I due sottufficiali invece dovranno rispondere a vario titolo di favoreggiamento e concorso morale in omicidio.

"Non posso che ringraziare ulteriormente la magistratura cassinate, il procuratore capo d'Emmanuele, i sostituti Siravo e Mattei, il presidente del tribunale Capurso ed il gip Scalera per la rapidità con cui hanno trattato questa parte finale delle indagini. Diciotto anni di attesa vana e finalmente uno spiraglio. Quest'anno festeggerò il compleanno di Serena senza lacrime e senza quel senso di impotenza che per troppo tempo ha attanagliato il mio cuore", ha dichiarato il padre della ragazza uccisa 18 anni fa. 

Potrebbe interessarti

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

  • I Casalesi si ricompattano, il pentito: "Il clan non è finito"

Torna su
CasertaNews è in caricamento