Fioraio ucciso dal clan fuori al cimitero: 4 condanne

Il giudice ha inflitto 16 anni a Carannante e 10 ai tre Venosa per l'agguato di camorra

Diana venne ucciso dai sicari del clan per vendetta

Quattro condanne per l'omicidio del fioraio Luigi Diana, ucciso dai sicari del clan dei Casalesi nel 1992 davanti al cimitero di San Cipriano d'Aversa.

Il giudice Miranda del tribunale di Napoli ha condannato a 16 anni di reclusione per Francesco Carannante, che ha ammesso le contestazioni della procura della Dda, mentre 10 anni a testa sono stati inflitti ai collaboratori Raffaele, Salvatore e Pietro Paolo Venosa, a cui sono state riconosciute le attenuanti per i collaboratori di giustizia. 

Diana venne ucciso per vendetta nel periodo della faida di camorra tra i Venosa ed il gruppo degli Schiavone. Nel collegio difensivo sono stati impegnati gli avvocati Giuseppe Tessitore e Reccia. 

Potrebbe interessarti

  • Maschera rigenerante per capelli secchi e crespi: la ricetta della nonna

  • Un casertano ai mondiali dei parrucchieri a Parigi

  • Frutti rossi ed anguria per combattere le gambe gonfie e pesanti

  • Trucco illuminante: ecco la nuova tecnica e come applicarla

I più letti della settimana

  • Affiora cadavere in mare, dramma sulla spiaggia

  • Colpo da 'Zara', fermata dai carabinieri con mille euro in vestiti

  • Pentiti ed arresti non hanno scalfito i Casalesi. Ecco la nuova mappa dei clan nel casertano I FOTO

  • Trovato morto dalla moglie sotto il porticato di casa

  • Arrestato il cassiere dei Casalesi: smantellato il business dei cartelloni pubblicitari

  • Camion 'casertano' si schianta in autostrada e perde il carico | LE FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento