Intera famiglia morta in mare, svolta nelle indagini

Depositata la perizia del consulente nominato dalla Procura

Le vittime Pierluigi Iacobucci e la moglie Yaima Cappe

Svolta nelle indagini per la morte di Pierluigi Iacobucci, imprenditore di Mondragone, della moglie, la cubana Yaima Cappe, e della figlieletta di 2 anni, deceduti dopo un drammatico incidente in acquascoorter poco prima dell'estate scorsa. 

Nei giorni scorsi il perito nominato dalla Procura ha depositato la sua relazione spiegando come l'incidente sia stato causato da un errore di manovra da parte del conducente del mezzo acquatico che andò ad impattare violentemente contro un onda. Secondo il perito, stando a quanto riferito dal quotidiano Cronache di Caserta, i tre non avrebbero indossato in maniera idonea le dotazioni di sicurezza. Possibile, inoltre, che Iacobucci sia svenuto in seguito all'impatto. Il mare agitato ha poi fatto il resto.

La Procura aveva aperto un fascicolo dopo la tragedia, avvenuta nel maggio del 2018, in cui erano stati iscritti l'addetto alla manutenzione ed i titolari della rimessa dove fu noleggiato il mezzo. Le loro posizioni restano al vaglio. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento