Bambini colpiti da influenza, 3 consigli utili del pediatra per evitare i virus

Natale a letto per tantissimi bimbi, ma il picco deve ancora arrivare

Il pediatra casertano Pietro Falco dà consigli per prevenire l'influenza dei bambini

Sono tantissimi i bambini che nella settimana di Natale sono rimasti a letto con la febbre, anche se, come sostengono numerosi medici, il picco vero ancora non è arrivato. Il virus che ha attualmente colpito migliaia di piccoli degenti, infatti, è causato più che altro dall’abbassamento imprevisto delle temperature e dai cambiamenti ‘climatici’ molto repentini.

Ma ci sono alcune precauzioni da utilizzare per cercare di limitare le possibilità che i bambini possano essere colpiti. “Il primo consiglio - racconta il pediatra di Caserta Pietro Falco - è la vaccinazione per tutti i bambini che hanno più di sei mesi. E’ questa la base della prevenzione e sicuramente tutti i pediatri la consigliano. Ancora meglio se anche i genitori decidano di vaccinarsi perché in questo modo si evita anche il contagio dalle persone che più facilmente sono a contatto coi bambini”. Il secondo consiglio è poi quello di “evitare i luoghi affollati, dove i bambini purtroppo non sono attenti ad evitare i virus”.

Infine, secondo Falco, “bisogna insegnare ai bambini l’igiene delle mani che è fondamentale perché la trasmissione dei virus avviene soprattutto attraverso le mani. I genitori ed i bambini devono essere sempre attenti ad avere con sé un po’ di amuchina, soprattutto quando si va nei posti più frequentati, come i supermercati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • TERREMOTO Trema ancora la terra nel casertano

  • Folgorato durante i lavori in casa, operaio muore a 34 anni

  • Latitante arrestato in una villetta dopo un blitz di carabinieri e polizia

  • Allerta meteo, scuole chiuse: ecco i sindaci che hanno firmato le ordinanze

  • "Faccio una vita da 30mila euro al mese", la confessione al telefono del medico corrotto

  • TERREMOTO Scossa avvertita nel casertano

Torna su
CasertaNews è in caricamento