Estorsore del clan arrestato nel parcheggio del centro commerciale

Venuti deve scontare un anno e 8 mesi di carcere

La polizia di Stato ha rintracciato e tratto in arresto nel pomeriggio di ieri, lunedì 8 luglio, Ciro Venuti, originario di Portici e destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli.

Come deciso in via definitiva dai giudici, infatti, Venuti deve espiare la pena di un anno, 8 mesi e 21 giorni di reclusione perché riconosciuto colpevole di concorso in estorsione continuata, pluriaggravata, commessa con metodo mafioso.

Venuti, già pregiudicato per estorsione aggravata dal metodo mafioso, nel 2016 era stato tratto in arresto nell’ambito dell’operazione di Polizia denominata “Christmas”, scaturita da indagini condotte nei confronti di esponenti del clan camorristico Abete-Abbinante-Notturno, operante in Napoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti della Squadra Mobile di Caserta, che hanno operato l’arresto, lo hanno localizzato a Trentola Ducenta, nell’area parcheggio del centro commerciale Jambo, nel mentre si trovava a bordo della propria auto in compagnia di una donna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sequestrata azienda di giardinaggio: alberi uccisi dal punterolo rosso bruciati in un terreno | FOTO

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Il pentito: "Carmine Schiavone voleva eliminare gli ultimi rappresentanti dei Bidognetti"

  • Aumentano di nuovo i contagi da coronavirus nel casertano

  • Macchia nera, scoperta choc: "Dna umano". Sequestrato depuratore: "Fogne direttamente nel canale"

Torna su
CasertaNews è in caricamento