Tentata estorsione ai titolari della Cleprin, 59enne a processo

Il gup ha disposto il rinvio a giudizio

I titolari dell'azienda Cleprin

Il Gup del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) Alessandra Garammatica ha rinviato a giudizio il 59enne Pasquale Galdieri, accusato di tentata estorsione commessa ai danni dei titolari della Cleprin, l’azienda di detersivi finita nel mirino della camorra. Secondo l’accusa della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, Galdieri avrebbe provato a farsi pagare dai due imprenditori una tangente per non creare problemi dopo l’acquisto dell’area a Carinola (la stessa finita al centro di un contenzioso al Tar Campania nei giorni scorsi), ricorrendo a pesanti minacce. “Lo sai come funziona quando si acquista all’asta? Si cacciano i soldi, o altrimenti ve la faccio diventare una cattedrale nel deserto” avrebbe detto l’imputato. Il gup Grammatica ha disposto il rinvio a giudizio: il processo partirà il 7 giugno prossimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Omicidio Vannini, le troupe televisive a Caserta alla ricerca di Antonio Ciontoli

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

  • Camion non si 'accorge' del ponte di Ercole e paralizza il traffico | FOTO

  • Scontri prima della partita, è caccia agli aggressori dopo gli scontri

Torna su
CasertaNews è in caricamento