Estorsione ad imprenditore, in 2 condannati con l'abbreviato

Furono arrestati sei mesi fa: ecco la sentenza

Il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Napoli Valeria Montesarchio ha condannato, a seguito di giudizio abbreviato, due persone ritenute vicine al clan dei Casalesi. Si tratta di Antonio Barbato di Cesa, difeso dall’avvocato Giovanni Cantelli, e Carmine Lucca di Averas, rappresentato dall’avvocato Luciano Fabozzi.

A Barbato inflitta una condanna di 6 anni e 20 giorni di reclusione mentre a Lucca 2 anni e 6 mesi. Agli stessi era contestato di aver provato ad estorcere denaro ad un imprenditore di Teverola il 6 novembre per conto del clan dei Casalesi e quindi con l’aggravante del metodo mafioso, riconosciuta solo per uno degli degli imputati. Il pubblico ministero della Dda Fabrizio Vanorio aveva chiesto, invece, 9 anni per Barbato e 4 anni per Lucca.

Potrebbe interessarti

  • Un casertano ai mondiali dei parrucchieri a Parigi

  • Frutti rossi ed anguria per combattere le gambe gonfie e pesanti

  • Trucco illuminante: ecco la nuova tecnica e come applicarla

  • Cattivi odori dal bidone della spazzatura? Ecco come pulirlo e igienizzarlo

I più letti della settimana

  • Pentiti ed arresti non hanno scalfito i Casalesi. Ecco la nuova mappa dei clan nel casertano I FOTO

  • Affiora cadavere in mare, dramma sulla spiaggia

  • Colpo da 'Zara', fermata dai carabinieri con mille euro in vestiti

  • Trovato morto dalla moglie sotto il porticato di casa

  • Arrestato il cassiere dei Casalesi: smantellato il business dei cartelloni pubblicitari

  • Lutto a Caserta, muore avvocato

Torna su
CasertaNews è in caricamento