Estorsione ad imprenditore, in 2 condannati con l'abbreviato

Furono arrestati sei mesi fa: ecco la sentenza

Il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Napoli Valeria Montesarchio ha condannato, a seguito di giudizio abbreviato, due persone ritenute vicine al clan dei Casalesi. Si tratta di Antonio Barbato di Cesa, difeso dall’avvocato Giovanni Cantelli, e Carmine Lucca di Averas, rappresentato dall’avvocato Luciano Fabozzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Barbato inflitta una condanna di 6 anni e 20 giorni di reclusione mentre a Lucca 2 anni e 6 mesi. Agli stessi era contestato di aver provato ad estorcere denaro ad un imprenditore di Teverola il 6 novembre per conto del clan dei Casalesi e quindi con l’aggravante del metodo mafioso, riconosciuta solo per uno degli degli imputati. Il pubblico ministero della Dda Fabrizio Vanorio aveva chiesto, invece, 9 anni per Barbato e 4 anni per Lucca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

  • Tre casertani positivi al tampone per il coronavirus

  • Terrore in corso Giannone, albero della Reggia crolla in strada | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento