Estorsione ad imprenditore, in 2 condannati con l'abbreviato

Furono arrestati sei mesi fa: ecco la sentenza

Il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Napoli Valeria Montesarchio ha condannato, a seguito di giudizio abbreviato, due persone ritenute vicine al clan dei Casalesi. Si tratta di Antonio Barbato di Cesa, difeso dall’avvocato Giovanni Cantelli, e Carmine Lucca di Averas, rappresentato dall’avvocato Luciano Fabozzi.

A Barbato inflitta una condanna di 6 anni e 20 giorni di reclusione mentre a Lucca 2 anni e 6 mesi. Agli stessi era contestato di aver provato ad estorcere denaro ad un imprenditore di Teverola il 6 novembre per conto del clan dei Casalesi e quindi con l’aggravante del metodo mafioso, riconosciuta solo per uno degli degli imputati. Il pubblico ministero della Dda Fabrizio Vanorio aveva chiesto, invece, 9 anni per Barbato e 4 anni per Lucca.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Morto nel garage vicino all'hotel del Vialone: disposta l'autopsia

  • Cronaca

    Maxi blitz in 2 case: trovata cocaina, Rolex e 40mila euro in contanti

  • Sport

    In duemila per ammirare la Pellegrini in vasca

  • Cronaca

    Va a cercare funghi e si ritrova sotto processo

I più letti della settimana

  • Avvocato precipita dal ponte e muore

  • Trovato senza vita nel garage di casa

  • Vanno da una 25enne per fare sesso e vengono rapinati: 3 arresti

  • Tradito da 2 amici li fa indagare: gli stavano togliendo tutti i beni

  • Si ribalta col trattore, muore a 54 anni

  • Folle aggressione in centro, bambini di 11 anni presi a calci

Torna su
CasertaNews è in caricamento