Estorsione a una bancarella alla festa del Crocifisso, arrivano le condanne

La decisione dei giudici della Corte di Appello

La festa del Crocifisso a Marcianise

Condannati in Appello Paride Bizzarro e Saverio Mancino. I due erano imputati nel processo per tentata estorsione alla festa del Crocifisso di Marcianise. I giudici di secondo grado hanno inflitto una pena di 2 anni di reclusione a Bizzarro e un anno e 5 mesi a Mancino, oltre a una multa rispettivamente di 1600 e 1400 euro.

Stando alle accuse della procura, i due hanno chiesto del denaro a titolare di una bancarella della festa, un commerciante di Casandrino, nel settembre del 2016. Una segnalazione immediata arrivò ai vigili urbani che, giunti sul posto, ebbero una colluttazione con Mancino e Bizzarro.

Gli agenti riuscirono a bloccare Mancino sul posto, mentre il complice fu arrestato poche ore più tardi in via Santa Maria delle Grazie, dove Bizzarro aveva fermato la sua auto. Al suo interno venne trovato anche un coltello, poi sequestrato. In primo grado Mancino era stato condannato a 2 anni e 2 mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

  • Sospetto Coronavirus, paziente isolato. Si attiva il protocollo

Torna su
CasertaNews è in caricamento