Pizzo per i Casalesi ad architetto e costruttore: due condanne

Il tribunale ha inflitto tre anni a Diana, sei anni e otto mesi a Caterino

Renato Caterino

Estorsioni per conto del clan dei Casalesi. Era questa l'accusa per cui il Tribunale di Napoli Nord ha condannato Massimo Diana a 3 anni di reclusione, in continuazione con altri reati, e Renato Caterino, di San Cipriano d'Aversa, a 6 anni ed 8 mesi.

Secondo l'accusa i due avrebbero richiesto il pizzo ad un architetto ed un construttore di Aversa che stavano realizzando degli immobili nella zona di Trentola Ducenta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Schianto tra auto e camion sulla statale: ferita 27enne | FOTO

  • Omicidio Vannini, le troupe televisive a Caserta alla ricerca di Antonio Ciontoli

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

  • Ragazza investita dal treno merci mentre è sui binari

Torna su
CasertaNews è in caricamento