Estorsioni al Polo Calzaturiero, in 4 rischiano il processo

Gli imprenditori costretti al pagamento di tangenti per mezzo milione di euro

Antonio Iovine e Michele Zagaria sono ritenuti i mandanti della richiesta estorsiva

Chiuse le indagini per le estorsioni al Polo calzaturiero di Carinaro.

Nell'inchiesta sono coinvolti a vario titolo Antonio Iovine, il boss dei casalesi oggi collaboratore di giustizia, Biagio Diana, 53enne di Casal di Principe, Augusto De Luca, 55enne di San Cipriano d'Aversa, e Bruno Lanza, collaboratore di giustizia 49enne di Villa di Briano. L'udienza preliminare si svolgerà nel prossimo mese di gennaio. Nell'inchiesta sono coinvolti anche il boss Michele Zagaria e Salvatore Verde, per i quali la procura ha già chiesto il rinvio a giudizio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stando a quanto accertato dalla Procura Iovine e Zagaria sarebbero i mandanti della richeista estorsiva mentre De Luca, Diana, Verde e Lanza i materiali esecutori. Gli imprenditori sarebbero stati costretti a versare prima 250mila euro e poi 160mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

  • Tre casertani positivi al tampone per il coronavirus

  • Terrore in corso Giannone, albero della Reggia crolla in strada | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento