Estorsioni per il clan: due arresti dopo la condanna

Imprenditore vessato per 4 anni: finiscono in carcere Cesario Caterino e Raffaele Rao

Il blitz della polizia

Sono stati arrestati e condotti in carcere gli esattori del clan Caterino-Ferriero di Cesa. Gli agenti della Squadra Mobile di Caserta hanno arrestato, su ordine della Procura Generale della Corte d'Appello, Cesario Caterino, di 58 anni, e Raffaele Rao, di 57 anni, riconosciuti responsabili di estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di un imprenditore edile. 

L'arresto è scaturito dopo che è diventata esecutiva nei loro confronti una sentenza di condanna. Caterino deve, infatti, scontare 4 anni e 8 mesi; mentre Ferriero deve scontarne 5. Secondo quanto ricostruito nel corso delle indagini i due avrebbero vessato la vittima per 4 anni, dal 2005 al 2009, intimandogli di consegnare somme di denaro e presentandosi a nome di Nicola Caterino, boss del gruppo "Caterino-Ferriero" del clan dei Casalesi.

Espletate le formalità di rito Caterino e Rao sono stati associati alla casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

Potrebbe interessarti

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • I Casalesi si ricompattano, il pentito: "Il clan non è finito"

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

Torna su
CasertaNews è in caricamento