Estorsioni per il clan: due arresti dopo la condanna

Imprenditore vessato per 4 anni: finiscono in carcere Cesario Caterino e Raffaele Rao

Il blitz della polizia

Sono stati arrestati e condotti in carcere gli esattori del clan Caterino-Ferriero di Cesa. Gli agenti della Squadra Mobile di Caserta hanno arrestato, su ordine della Procura Generale della Corte d'Appello, Cesario Caterino, di 58 anni, e Raffaele Rao, di 57 anni, riconosciuti responsabili di estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di un imprenditore edile. 

L'arresto è scaturito dopo che è diventata esecutiva nei loro confronti una sentenza di condanna. Caterino deve, infatti, scontare 4 anni e 8 mesi; mentre Ferriero deve scontarne 5. Secondo quanto ricostruito nel corso delle indagini i due avrebbero vessato la vittima per 4 anni, dal 2005 al 2009, intimandogli di consegnare somme di denaro e presentandosi a nome di Nicola Caterino, boss del gruppo "Caterino-Ferriero" del clan dei Casalesi.

Espletate le formalità di rito Caterino e Rao sono stati associati alla casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Ucciso per un'offesa a Zagaria", il manoscritto di Schiavone finisce nel processo

  • Auto si schianta contro i Ponti della Valle, morto 48enne | FOTO

  • Gioielli rubati, l'ispettore incastra il titolare del 'Compro Oro'

  • Camion si ribalta, autostrada chiusa | FOTO

  • Tutor sull'Asse Mediano, giudice annulla la multa per cartelloni e limite di velocità

  • Zagaria attacca Schiavone dopo la testimonianza

Torna su
CasertaNews è in caricamento