Eroina e marijuana in casa, condannata

La Corte d'Appello ha ridotto la pena alla pusher in gonnella

La droga trovata nell'abitazione della donna

Condanna a 3 anni per Mariam Ofie, 23enne nigeriana residente a Casal di Principe, accusata di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

La Corte d'Appello di Napoli, accogliendo l'istanza di concordato presentata dal difensore, l'avvocato Fabio Della Corte, ha rideterminato la pena inflitta in primo grado dal gup del tribunale di Napoli Nord, che aveva condannato la donna a 4 anni, anche alla luce della recente sentenza della Corte Costituzionale che ha ridotto il minimo edittale anche per le droghe pesanti da 8 a 6 anni. 

La 23enne era stata arrestata dai carabinieri nell'agosto del 2018 quando a seguito di una perquisizione presso la sua abitazione vennero rinvenuti 150 grammi di eroina e 300 grammi di marijuana, oltre a materiale per il confezionamento dello stupefacente ed un bilancino di precisione. Attualmente si trova ristretta agli arresti domiciliari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "I Casalesi comandano ancora". La Dia ricostruisce la mappa dei clan nel casertano | FOTO

  • Uccide uccelli di specie protetta, sequestrato fucile e animali a cacciatore | FOTO

  • Pandora falsi venduti nel Tarì, scoperto il deposito: sequestrati 2860 gioielli

  • Violento incendio in 3 depositi: fiamme altissime, la nube invade le case | FOTO

  • Riesce a non pagare 10mila euro di pedaggio autostradale con un trucco

  • Avete sete dopo aver mangiato la pizza? Ecco i 3 motivi per cui accade

Torna su
CasertaNews è in caricamento