CASALESI Chiuse le indagini sulle donne di Zagaria

Sorella e tre cognate del boss sono accusate di ricettazione per aver gestito il denaro proveniente dal clan

Beatrice Zagaria e Francesca Linetti

La Direzione distrettuale antimafia di Napoli ha concluso le indagini sulla sorella e le tre cognate del boss Michele Zagaria, l’ex primula rossa del clan dei Casalesi. Beatrice Zagaria (sorella del boss Michele), Francesca Linetti (moglie di Pasquale Zagaria, fratello di Michele ed anch’egli detenuto), Tiziana Piccolo (moglie di Carmine Zagaria, anch’egli fratello di Michele, già detenuto e attualmente sottoposto alla sorveglianza speciale), Patrizia Martino (moglie di Antonio Zagaria, fratello di Michele, anch’egli detenuto), sono attualmente agli arresti domiciliari, dopo gli arresti compiuti lo scorso dicembre e la scarcerazione poco prima di Capodanno.

Le “donne del clan” sono accusate di ricettazione aggravata per aver gestito ingenti somme di denaro provenienti dall'organizzazione criminale. Le quattro sono state coinvolte in un'inchiesta della Dia da cui era emerso lo stato di agio in cui le donne vivevano, percependo uno stipendio mensile di circa 2500 euro pur non lavorando.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le auto di lusso del "signore della cocaina" nascoste in un garage casertano

  • La Dea Bendata bacia Caserta con una quaterna da 124mila euro

  • Benzina 'truccata', la finanza sequestra distributore di carburante

  • Scuole chiuse in provincia di Caserta: ecco i sindaci che hanno già firmato

  • “Un Mose anche per Caserta”. La foto che fa il giro del web

  • Il convento delle suore finite sotto indagine diventa proprietà del Comune

Torna su
CasertaNews è in caricamento