Il memoriale di Barone ai giudici: l'ex prete cita il Vangelo in aula

Le dichiarazioni del sacerdote del Tempio prima della sentenza

Don Michele Barone

Un memoriale di una ventina di pagine, versi del vangelo ed una ferma convinzione: chi si rivolgeva a lui era posseduto dal demonio. È questo in sintesi quanto ha dichiarato Michele Barone, l'ex prete del Tempio di Casapesenna, prima della sentenza dei giudici nel processo che lo vede imputato per lesioni nei confronti di una 14enne di Maddaloni e violenza sessuale su altre due fedeli.

Barone ha fatto dichiarazioni spontanee a sua difesa, dopo la maxi richiesta di condanna dei pm Di Vico e Pannone a 22 anni di carcere. Ha ribadito come le persone che si rivolgevano a lui, compresa la ragazzina di 14 picchiata durante riti esorcistici dal sapore medievale, erano effettivamente possedute dal demonio e che quanto fatto da lui era esclusivamente a fin di bene.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non sono mancati momenti di fede. Barone ha letto alcuni versetti del Vangelo, tra cui quelli secondo Marco (5, versetti 1 - 20). La sua memoria letta in aula, circa 20 pagine, è stata depositata ai giudici. Il verdetto è atteso nelle prossime ore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambino casertano di 3 anni trovato morto vicino al fiume

  • Coronavirus, contagiata una 16enne. Scuole chiuse: “Proroga inevitabile”

  • Pasqua in quarantena per il coronavirus. De Luca proroga l'isolamento

  • Coronavirus. Nuovi positivi a Capua, Francolise e Pietramelara

  • Muore 32enne in ospedale, effettuato il tampone

  • Coronavirus, altri 47 tamponi positivi in Campania

Torna su
CasertaNews è in caricamento