La violenza del prete: "Don Barone mi ha dato un pugno in faccia"

La testimonianza di una coppia di fidanzati suoi fedeli: "Soldi dall'Irlanda mai dati ai poveri"

Don Michele Barone

Don Michele Barone gli avrebbe sferrato un pugno in pieno volto. E' questa la circostanza emersa nel corso dell'udienza, celebrata dinanzi al giudice Francica del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, nel processo che vede alla sbarra il sacerdote del Tempio di Casapesenna insieme ad altri tre imputati per maltrattamenti, su una minorenne, e violenza sessuale (di cui deve rispondere soltanto il prete).

A riferirlo ai giudici è stata una coppia di fidanzati che per un periodo ha fatto parte della schiera di fedeli seguaci di don Michele Barone. I due nel corso della loro testimonianza hanno raccontato delle preghiere di liberazione e degli esorcismi fatti da don Barone. Rituali lunghi, dalle prime ore del pomeriggio anche fino a notte fonda. 

I due, esasperati dai maltrattamenti nei confronti di una ragazza ritenuta posseduta (fu anche ospitata a casa della fidanzata della coppia scoltata in tribunale), si sarebbero allontanati dalla "setta" ma non senza ripercussioni. In una circostanza, infatti, il ragazzo venne picchiato da don Barone rifiutandosi di partecipare ad una cena a casa di un altro fedele. "Mi ha dato un pugno in faccia", ha detto ai giudici. Il giovane, seguendo la volontà della fidanzata, si sarebbe sottoposto anch'egli ad un rito di liberazione dal demonio. 

I due ragazzi hanno anche parlato di cospicue offerte che arrivavano a don Barone anche dall'Irlanda. Offerte destinate ai bisognosi ma che non sarebbero mai arrivate a destinazione. 

Il processo - che vede imputati anche il dirigente di polizia Luigi Schettino ed i genitori della 13enne - riprenderà fra un paio di settimane quando in aula dovrà essere ascoltata un'altra fedele. Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Carlo De StavolaGiuseppe StellatoUmberto Pappadia, Rocco TrombettiMaurizio Zuccaro e Camillo Irace. Le ragazze che avrebbero subito la violenza sessuale si sono costituite parti civili, assistite dagli avvocati Rossella Calabritto Luigi Mordacchini.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento