Spaccio per il clan, Capodanno a casa per il pusher dei Casalesi

Accolta la richiesta di Micillo, che passa agli arresti domiciliari

Capodanno 'casalingo' per Carmine Micillo, affiliato al clan dei Casalesi, fazione Bidognetti, originario di Villa Literno e residente a Castel Volturno. Micillo è stato arrestato per associazione finalizzata allo spaccio, aggravata dal metodo mafioso, nel 2016 a Castel Volturno, e tradotto successivamente presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

L'affiliato ai Casalesi passerà quindi il Capodanno nel Comune di residenza. Il Tribunale di Napoli Nord, accogliendo la richiesta dell'avvocato di fiducia Ferdinando Letizia, ha disposto la misura meno afflittiva degli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con un cinghiale di 100 chili in auto

  • Poste Italiane cerca portalettere nel casertano, ma il tempo stringe

  • Morta professoressa, studenti in lacrime

  • Camion si ribalta, autostrada chiusa | FOTO

  • Pistola in pugno rapinano automobilista del Rolex: caccia ai banditi

  • Pistola in faccia ad imprenditore per rapina, i ladri cadono durante la fuga

Torna su
CasertaNews è in caricamento