Spaccio per il clan, Capodanno a casa per il pusher dei Casalesi

Accolta la richiesta di Micillo, che passa agli arresti domiciliari

Capodanno 'casalingo' per Carmine Micillo, affiliato al clan dei Casalesi, fazione Bidognetti, originario di Villa Literno e residente a Castel Volturno. Micillo è stato arrestato per associazione finalizzata allo spaccio, aggravata dal metodo mafioso, nel 2016 a Castel Volturno, e tradotto successivamente presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

L'affiliato ai Casalesi passerà quindi il Capodanno nel Comune di residenza. Il Tribunale di Napoli Nord, accogliendo la richiesta dell'avvocato di fiducia Ferdinando Letizia, ha disposto la misura meno afflittiva degli arresti domiciliari.

Potrebbe interessarti

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • I Casalesi si ricompattano, il pentito: "Il clan non è finito"

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

Torna su
CasertaNews è in caricamento