Spaccio per il clan, Capodanno a casa per il pusher dei Casalesi

Accolta la richiesta di Micillo, che passa agli arresti domiciliari

Capodanno 'casalingo' per Carmine Micillo, affiliato al clan dei Casalesi, fazione Bidognetti, originario di Villa Literno e residente a Castel Volturno. Micillo è stato arrestato per associazione finalizzata allo spaccio, aggravata dal metodo mafioso, nel 2016 a Castel Volturno, e tradotto successivamente presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

L'affiliato ai Casalesi passerà quindi il Capodanno nel Comune di residenza. Il Tribunale di Napoli Nord, accogliendo la richiesta dell'avvocato di fiducia Ferdinando Letizia, ha disposto la misura meno afflittiva degli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

  • Sospetto Coronavirus, paziente isolato. Si attiva il protocollo

  • Camion non si 'accorge' del ponte di Ercole e paralizza il traffico | FOTO

  • Coronavirus, allarme a Pineta Grande: isolato un uomo di Mondragone

Torna su
CasertaNews è in caricamento