Lido abusivo, il Comune ordina lo sgombero e la demolizione

Il proprietario occupava ancora parte della struttura nonostante il ricorso perso al Tar

Il lungomare Federico a Mondragone

Dovrà provvedere allo sgombero e alla demolizione delle opere abusive il proprietario di un noto lido sul lungomare Camillo Federico di Mondragone. L’imprenditore R.D.T. ha visto infatti rigettare dal Tar della Campania il ricorso con il quale chiedeva di annullare il provvedimento del Comune di demolizione e ripristino dei luoghi.

I giudici del Tribunale amministrativo hanno infatti accolto le difese formulate dall’Ente e con sentenza n. 325 hanno rigettato il ricorso. Nei giorni scorsi un sopralluogo della poliza municipale ha però riscontrato che parte dell'immobile risultava ancora occupata dal proprietario. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questo è quindi arrivata una comunicazione del tribunale di Santa Maria Capua Vetere con la quale si disponeva il dissequestro temporaneo del lido, al fine di poter consentire al proprietario lo sgombero e  il completamento delle operazioni di demolizione delle opere abusive.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Casa del sesso in centro, arrestata latitante internazionale

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

Torna su
CasertaNews è in caricamento