Consiglieri debitori del Comune, l’opposizione chiede la decadenza

Il capogruppo Santoro chiede un intervento urgente: “A rischio la validità del Consiglio”

Il capogruppo di minoranza Michele Santoro

Un intervento urgente del sindaco, del prefetto e del consiglio comunale per dichiarare la decadenza della carica detenuta dal vice sindaco di Baia e Latina Teresa de Bottis e dal consigliere Roberto Landolfi. A chiederlo è un componente dell’Assise locale, il capogruppo della minoranza Michele Santoro.

Nella missiva si fa riferimento alle cause che porterebbero all’incompatibilità di vice sindaco e consigliere: sia De de Bottis che Landolfi, sono infatti debitori di imposte varie nei confronti del Comune di Baia e Latina. Santoro scrive infatti che “l’incompatibilità del caso in esame viene espressamente sancita da tutta la normativa di settore ed in particolare dal fondamentale T.U.E.L., ove le cause tassative di incompatibilità alle cariche di sindaco, consigliere comunale e circoscrizionale sono elencate nell’articolo 63, comma 1, del decreto legislativo 267/2000 e comportano, come noto, la decadenza dalla carica ricoperta”.

Il capogruppo di minoranza chiede dunque di avviare l’iter di decadenza dei consiglieri Landolfi e de Bottis, “nonché avviare comunque la procedura di recupero del credito in parola, salvo voler incorrere nelle gravi omissioni, penali, amministrative e tributarie del caso”.

Un iter da attuare con “la massima urgenza” in particolare per l’incarico del vice sindaco Teresa de Bottis. “L’illegittimità di tale delicatissimo incarico – ricorda Santoro - se protratta ulteriormente, potrebbe addirittura ripercuotersi sulla validità stessa di ogni attuale e futuro deliberato del civico consesso”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arrestato il patron della 'Clinica Pineta Grande'

  • Bollo auto, quando pagarlo e come ottenere la riduzione nel 2020

  • Terribile schianto sulla Nola-Villa Literno: due feriti gravi

  • Non supera il test di Medicina, il giudice ordina all’Università di farle ripetere la prova

  • Il business della monnezza dei Casalesi, la Dia: "Veleni nell'acqua e nelle strade"

  • Mazzette ai politici per gli appalti alla camorra, Zagaria è un fiume in piena

Torna su
CasertaNews è in caricamento