Danno erariale per fatture non liquidate in tempo, la Corte dei Conti 'assolve' 6 dirigenti

Per i giudici napoletano "l'atto di citazione è inammissibile"

"Atto di citazione inammissibile". Così la sezione giurisdizionale per la regione Campania della Corte dei Conti presieduta da Salvatore Nicolella ha chiuso l'istruttoria a carico dei dirigenti del Comune di Casapulla che si sono succeduti alla guida del servizio finanziario e tecnico dell'Ente dall'accusa di aver provocato un danno erariale di circa 40mila euro per i ritardati pagamenti di servizi commissionati dall'Ente e per i quali i rispettivi creditori si erano visti costretti a ricorrere alle procedure esecutive.

Sotto accusa erano finiti Carmine Baccaro, 60 anni di Casapulla; Raffaele De Rosa, 47 anni di Casapesenna (rappresentato dall'avvocato Renato Labriola); Antonio Natale, 54 anni di Casapulla; Carlo Antonio Piccirillo, 41 anni di Portico; Luigi Russo, 59 anni di Santa Maria la Fossa; Giuseppe Vastante, 59 anni di San Tammaro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'atto di citazione era stato depositato nel 2017 quando la Procura contabile aveva contestato ai sei la responsabilità dei soldi che il Comune era stato costretto a pagare in più per i ritardi nella liquidazione delle fatture. Le difese hanno contestato, però, la genericità nell'esposizione degli addebiti mossi, soprattutto perché non erano state definite le "colpe" dei singoli dirigenti che si sono avvicendati nel ruolo. La Corte presieduta da Nicolella ha accolto questa tesi, disponendo l'inammissibilità dell'atto di citazione ed assolvendo i dirigenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Casa del sesso in centro, arrestata latitante internazionale

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento