Crollo a scuola, i genitori scrivono al capo della Procura

Ad un anno di distanza le aule sono ancora sequestrate

Ad un anno e mezzo dal crollo di parte del soffitto, restano ancora inibite al Liceo Pizzi di Capua tre aule, una delle quali sotto sequestro da parte della magistratura, con notevoli problemi per gli studenti, costretti ad una rotazione su cinque giorni, che si traduce nella circostanza che ogni classe un giorno a settimana non effettua lezione.

Così i genitori degli studenti, rappresentati da Angelo Donia, presidente del Consiglio d'Istituto, hanno scritto al Procuratore della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere Maria Antonietta Troncone per sollecitare il dissequestro dell'unica aula cui sono stati apposti i sigilli; le altre due aule infatti sono ancora chiuse perché attigue a quella sequestrata.

Il progetto è pronto, e anche i soldi per la messa in sicurezza ci sono; si tratta di una porzione pari a 40mila euro degli oltre due milioni stanziati in estate dalla Regione Campania per gli interventi urgenti nelle scuole superiori del Casertano, dove la manutenzione è ferma dall'inizio dell'anno per la crisi finanziaria della Provincia, ente cui compete per legge la cura degli istituti superiori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I fondi sono a disposizione da settembre, il dissequestro temporaneo dell'aula per l'effettuazione dei lavori è stato chiesto il 27 ottobre scorso dal dirigente scolastico Enrico Carafa, ma nessuna risposta è arrivata. Intanto nei mesi scorsi è stata effettuata la messa in sicurezza strutturale della zona dove insistono le tre aule e il riadattamento strutturale e funzionale delle due aule attigue a quella sequestrata. "Non avendo ancora avuto il dissequestro dell'aula - spiega Donia nella lettera inviata alla Troncone - non si è potuto procedere ai lavori di sistemazione di quest'ultima. Con l'acquisizione delle tre aule gli studenti farebbero una rotazione ogni due mesi (ogni classe una volta ogni due mesi non effettua lezione). Confidando nella Sua sensibilità sull'argomento, Le chiedo, ove possibile, di valutare se esistono le condizioni per il dissequestro dell'aula in questione" conclude l'appello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Droga venduta al bar sull'asse Caivano-Caserta, 11 indagati

Torna su
CasertaNews è in caricamento