Corruzione in Municipio, arriva la svolta per il dirigente

Revocati gli obblighi per Noviello dopo il rinvio a giudizio. Stralciata la posizione della figlia

Il Comune di Castel Volturno

Revocato l'obbligo di dimora per Carmine Noviello, il dirigente dell'ufficio tecnico di Castel Volturno coinvolto nello scandalo corruzione per le concessioni edilizie che ha travolto come uno tsunami il Municipio castellano.

Il giudice, accogliendo l'istanza dell'avvocato Carlo De Stavola, ha revocato la misura per Noviello e disposto la sospensione dal servizio temporanea. Secondo gli inquirenti sia gli impiegati dell'ufficio tecnico sia gli agenti della polizia municipale avrebbero operato in modo da raggiungere vantaggi di tipo personale per accelerare le pratiche e fare in modo che potessero concludersi con il rilascio delle autorizzazioni edilizie. Fatti per cui è stato rinviato a giudizio.

Nell'inchiesta è stata coinvolta anche la figlia del dirigente, Mariachiara Noviello, per la quale i pubblici ministeri non hanno chiesto nemmeno il giudizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arrestato il patron della 'Clinica Pineta Grande'

  • Bollo auto, quando pagarlo e come ottenere la riduzione nel 2020

  • Terribile schianto sulla Nola-Villa Literno: due feriti gravi

  • Non supera il test di Medicina, il giudice ordina all’Università di farle ripetere la prova

  • Il business della monnezza dei Casalesi, la Dia: "Veleni nell'acqua e nelle strade"

  • Mazzette ai politici per gli appalti alla camorra, Zagaria è un fiume in piena

Torna su
CasertaNews è in caricamento