Ucciso sul pianerottolo di casa, convalidato il fermo dei killer

De Rosa colpito al petto dai proiettili di un fucile dopo una lite per futili motivi

Convalidati dal Giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere i fermi per Muhamed Bin Raba, 56enne magrebino, e Florian Mocian, 20enne rumeno (difeso dall’avvocato Luigi Iannettone), che nella notte tra il 17 e 18 novembre scorso freddarono con una fucilata all'addome Salvatore De Rosa, 56enne del napoletano residente a Mondragone in localitá Pescopagano.

Sul pianerottolo di casa De Rosa fu ucciso per futili motivi, conseguenti ad una pregressa discussione tra gli esecutori dell'omicidio, la vittima ed una terza persona a causa della quale il magrebino, sotto l'effetto di sostanze alcoliche, venne allontanato dallo stabile a Pescopagano dalla vittima, a cui però venne giurata vendetta.

Nella notte dell'assassinio i due stranieri si recarono presso l'abitazione della vittima: il rumeno a bordo di uno scooter rubato attendeva all'esterno della casa di De Rosa, ed il magrebino armato di fucile illegalmente detenuto e modificato con canne mozze con proiettili da caccia al cinghiale, si introduceva all'interno del condominio sparando all'altezza dell'addome di De Rosa, ferita che gli fu fatale.

Grazie ad una attiva collaborazione tra i carabinieri di Mondragone ed i carabinieri di Marano, l'escussione di alcuni testimoni residenti nello stabile e la visione di innumerevoli immagini dei dispositivi di videosorveglianza di attività pubbliche e di privati, si riuscì a rintracciare i due responsabili che avevano cercato di far perdere le loro tracce rientrando a Marano, dove risiedevano.

Rintracciati il 26 novembre a Parete grazie anche all'ausilio dell'Interpol, sono stati tradotti presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere. Tutt'ora in carcere, a carico dei due grava il reato di omicidio premeditato con l'aggravante dei futili motivi, detenzione e porto abusivo d' arma, oltre alla ricettazione dello scooter utilizzato per la fuga.

Potrebbe interessarti

  • I 10 ristoranti dove si mangia il miglior pesce a Caserta

  • Clownterapia a Caserta: la missione degli 'angeli' dei bambini travestiti da clown

  • Sì alla detox, ma non d'estate. L'esperta: "Vi spiego perché"

  • Igiene della lavastoviglie: consigli e rimedi per tenerla sempre pulita e profumata

I più letti della settimana

  • Via libera ai tutor, partono le multe per gli automobilisti

  • Chiude all'improvviso noto ristorante della Movida

  • Schianto al passaggio a livello, ferito noto artista | FOTO

  • Sequestrati 70 chili di cozze: maxi multa per 4

  • Muore dopo intervento in ospedale

  • Paura su viale Carlo III, auto divorata dalle fiamme

Torna su
CasertaNews è in caricamento