Il boss dei Casalesi resta al carcere duro

La Cassazione ha rigettato il ricorso presentato dagli avvocati di Oreste Reccia

Il boss Oreste Reccia

Niente annullamento della proroga del regime di carcere duro per il boss dei Casalesi Oreste Reccia. Per il 50enne di San Cipriano d'Aversa, ritenuto fino al suo arresto compiuto nel giugno 2012 al vertice della cosca Venosa-Zagaria-Iovine, i giudici della Cassazione hanno respinto il ricorso presentato dagli avvocati difensori.

Come riporta ‘Cronache di Caserta’, nei confronti di Reccia era scattato anche il sequestro di alcune lettere spedite dal carcere in cui era recluso in regime di detenzione ordinaria: secondo la Dda erano la prova che il boss impartiva ordini anche dalla casa circondariale. Un pericolo, quello di guidare il clan anche da dietro le sbarre, da impedire con la reclusione al 41bis. Così due anni fa la decisione dell’inasprimento del regime carcerario disposta dal Ministero della Giustizia, confermato dalla Cassazione.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Calcio alla testa durante la rissa, fermati 4 studenti Erasmus

  • Cronaca

    Morto nel garage vicino all'hotel del Vialone: disposta l'autopsia

  • Cronaca

    Maxi blitz in 2 case: trovata cocaina, Rolex e 40mila euro in contanti

  • Sport

    In duemila per ammirare la Pellegrini in vasca

I più letti della settimana

  • Avvocato precipita dal ponte e muore

  • Trovato cadavere in decomposizione alle spalle dell'hotel

  • Vanno da una 25enne per fare sesso e vengono rapinati: 3 arresti

  • Trovato senza vita nel garage di casa

  • Tradito da 2 amici li fa indagare: gli stavano togliendo tutti i beni

  • Donna trovata morta nel suo appartamento | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento