Locale incendiato, in 2 condannati con lo sconto

Lo Chalet Pinetarium fu devastato dalle fiamme nell'agosto 2013. Lettieri e Tekar dovranno risarcire la proprietaria

Un importante sconto di pena per la riqualificazione del reato. Salvatore Lettieri, 24enne di Caserta, e Alit Tekar, 22enne di origini rumene ma residente a Camigliano, sono stati condannati a 2 anni di reclusione a testa (con sospensione condizionale della pena) per il rogo allo Chalet Pinetarium di Pignataro Maggiore, devastato dalle fiamme nell’agosto 2013.

Ai due infatti il giudice Graziano di Santa Maria Capua Vetere ha contestato il reato di danneggiamento seguito da incendio, e non l’incendio doloso. Per Tekar e Lettieri il pm della Procura sammaritana aveva chiesto una pena di 3 anni e 6 mesi di carcere a testa. I due imputati, (rappresentati dagli avvocati Dario Pepe, Lucia Marra ed Alessandro Barbieri) inoltre dovranno risarcire i danni subiti della parte civile, proprietaria del locale andato in fiamme.

Il raid, secondo la ricostruzione della Procura, sarebbe scattato dopo che gli imputati avevano litigato con la proprietaria dello chalet, venendo anche allontanati dal locale. La sera stessa scoppiò l’incendio che distrusse la struttura.

Potrebbe interessarti

  • I 10 ristoranti dove si mangia il miglior pesce a Caserta

  • Bevanda disintossicante e sgonfiante: la ricetta per ridurre il girovita

  • Stirare d'estate è una tortura? Ecco come evitare il ferro da stiro e avere abiti perfetti

  • Caiazzo diventa set per la fiction ‘Un posto al sole’ I FOTO

I più letti della settimana

  • Sparatoria nel bar, ferito un uomo vestito da militare: è grave in ospedale | FOTO

  • Tenta strage con l’auto alla stazione e ferisce 2 donne casertane I FOTO

  • La 14enne accusa: "Mi hanno costretta ad andare da don Michele"

  • Agguato con la pistola contro tre persone, arrestato dopo il blitz in casa

  • 3 ARRESTI Pizzo alla ditta di caffè, in manette fedelissimo di Iovine

  • Schianto sull'Asse Mediano, muore motocicilista

Torna su
CasertaNews è in caricamento