Beccato con la cocaina, 23enne condannato e scarcerato

Il giovane aveva provato ad ingoiare gli ovuli per non essere arrestato

Un anno e sei mesi con pena sospesa. Questa la sentenza pronunciata dal gup Coppola del tribunale di Napoli Nord a carico di L.S., 23enne di Caserta, accusato di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Il giudice, al termine del processo con rito abbreviato, ha accolto le tesi del difensore del ragazzo, l'avvocato Daniele Delle Femmine, e riconosciuto la lieve entità dello spaccio condannando l'imputato ad una pena mite. Contestualmente il magistrato ha revocato la misura cautelare degli arresti domiciliari cui il giovane era sottoposto.

Il 23enne era stato arrestato dalla polizia di Afragola lo scorso mese di aprile. Alla vista delle forze dell' ordine il giovane aveva tentato di ingoiare alcuni ovuli di cocaina per sfuggire all'arresto ma senza riuscirci. Nel corso della perquisizione vennero trovati 5 grammi circa di stupefacente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il giorno del contagio in Campania: 24enne di Caserta positiva al test

  • Coronavirus, De Luca chiude le scuole in tutta la Campania

  • Coronavirus, scuole chiuse a Caserta. La 24enne 'positiva' trasferita al Cotugno

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Coronavirus, test positivo confermato dalle controanalisi. La 24enne ha incontrato 8 persone

Torna su
CasertaNews è in caricamento