Famiglia distrutta nell'incidente, condanna 'soft' per l'automobilista

Quattro anni di carcere la pena inflitta dal giudice per lo schianto in cui persero la vita 3 persone

Il giudice monocratico del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha condannato a 4 anni di reclusione, per omicidio colposo Francesco D'Istanto, l'uomo di 64 anni di Formia (Latina) che nel 2015, a bordo della sua 'Honda' si schiantò contro la 'Punto Evo' dove a bordo c'era una intera famiglia.Lo riporta AdnKronos. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A causa dell'incidente, che il giudice ha riconosciuto colposo, morirono Francesco Ragucci, di Macerata Campania, la figlia Maddalena di 14 anni e lo zio della ragazzina Carmine Mingione. Il pm aveva chiesto la condanna a 6 anni e sei mesi. Il giudice ha stabilito una provvisionale di risarcimento dei danni di centomila euro a favore delle vittime. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna trovata morta nel letto di casa: aveva 40 anni

  • Coronavirus, record di nuovi contagi nel casertano: altri 120 casi in Campania

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio dei contagi: nuovi casi ad Aversa e Castel Volturno

  • Coronavirus, slitta il picco in Campania. "Contagi al massimo tra fine aprile ed inizio maggio"

  • Coronavirus, muore un uomo di Marcianise ricoverato in ospedale

  • Sacerdote e fedeli in chiesa per la Domenica delle palme nonostante i divieti

Torna su
CasertaNews è in caricamento