Chiesti 7 anni di carcere per il titolare di un bar

La durissima requisitoria del pubblico ministero

Sette anni. È stata questa la pena invocata dal pubblico ministero per Beniamino Simone, titolare del bar Giacomino di Capua, accusato di usura. Stamattina al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere si è svolta la requisitoria del pm Condello che ha chiesto la condanna dell'imputato a 7 anni. Il processo è stato rinviato al prossimo mese per la discussione del legale dell'imprenditore capuano, l'avvocato Giuseppe Foglia. Simone era stato arrestato lo scorso anno dai carabinieri dopo che una persona lo aveva denunciato per i tassi di interesse elevatissimi per un prestito ricevuto. Da qualche mese, però, è tornato libero con la sezione Misure di Prevenzione che gli ha revocato la misura dell'obbligo di dimora.

Potrebbe interessarti

  • Maschera rigenerante per capelli secchi e crespi: la ricetta della nonna

  • Frutti rossi ed anguria per combattere le gambe gonfie e pesanti

  • Trucco illuminante: ecco la nuova tecnica e come applicarla

  • Quanto tempo bisogna aspettare per fare il bagno dopo aver mangiato?

I più letti della settimana

  • Un impero da 300 milioni di euro sequestrato all'imprenditore in odore di camorra

  • Affiora cadavere in mare, dramma sulla spiaggia

  • Pentito non attendibile, dissequestrato l'impero milionario dell'imprenditore calzaturiero

  • Tragedia sulla provinciale: muore motociclista

  • Rolex e Pandora falsi, arrestato orafo del Tarì

  • Arrestato il cassiere dei Casalesi: smantellato il business dei cartelloni pubblicitari

Torna su
CasertaNews è in caricamento