Chiesti 7 anni di carcere per il titolare di un bar

La durissima requisitoria del pubblico ministero

Sette anni. È stata questa la pena invocata dal pubblico ministero per Beniamino Simone, titolare del bar Giacomino di Capua, accusato di usura. Stamattina al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere si è svolta la requisitoria del pm Condello che ha chiesto la condanna dell'imputato a 7 anni. Il processo è stato rinviato al prossimo mese per la discussione del legale dell'imprenditore capuano, l'avvocato Giuseppe Foglia. Simone era stato arrestato lo scorso anno dai carabinieri dopo che una persona lo aveva denunciato per i tassi di interesse elevatissimi per un prestito ricevuto. Da qualche mese, però, è tornato libero con la sezione Misure di Prevenzione che gli ha revocato la misura dell'obbligo di dimora.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

  • Muore dopo incidente a scuola, un testimone ha visto Gerardina pochi minuti prima della caduta

Torna su
CasertaNews è in caricamento