Cercano il boss latitante e trovano un museo: assolta

La polizia trovò reperti archeologici a casa della sorella di Zagaria

Assolta la sorella di Michele Zagaria

Cercavano la primula rossa Michele Zagaria ovunque e la casa della sorella del boss dei Casalesi, Gesualda, era uno dei luoghi particolarmente attenzionati dalle forze dell'ordine. Ma quando gli agenti della squadra mobile di Caserta fecero irruzione nella sua casa di via don Salvatore Vitale a San Cipriano d'Aversa di certo non credevano di ritrovarci una sorta di museo. 

E' stata assolta Gesualda Zagaria, finita sotto processo con l'accusa di possedere reperti archeologici, in particolare vasi e vasetti, violando così la specifica normativa. La sentenza è stata pronunciata nel pomeriggio dal giudice monocratico Sellitto del tribunale di Santa Maria Capua Vetere.

Il pm aveva invocato 1 anno di reclusione per Gesualda Zagaria ma i giudici, accogliendo le tesi dei difensori, gli avvocati Angelo Raucci e Rosario Avenia, l'hanno assolta. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Calcio alla testa durante la rissa, fermati 4 studenti Erasmus

  • Cronaca

    Morto nel garage vicino all'hotel del Vialone: disposta l'autopsia

  • Cronaca

    Maxi blitz in 2 case: trovata cocaina, Rolex e 40mila euro in contanti

  • Sport

    In duemila per ammirare la Pellegrini in vasca

I più letti della settimana

  • Avvocato precipita dal ponte e muore

  • Trovato cadavere in decomposizione alle spalle dell'hotel

  • Vanno da una 25enne per fare sesso e vengono rapinati: 3 arresti

  • Trovato senza vita nel garage di casa

  • Tradito da 2 amici li fa indagare: gli stavano togliendo tutti i beni

  • Donna trovata morta nel suo appartamento | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento