Cercano il boss latitante e trovano un museo: assolta

La polizia trovò reperti archeologici a casa della sorella di Zagaria

Assolta la sorella di Michele Zagaria

Cercavano la primula rossa Michele Zagaria ovunque e la casa della sorella del boss dei Casalesi, Gesualda, era uno dei luoghi particolarmente attenzionati dalle forze dell'ordine. Ma quando gli agenti della squadra mobile di Caserta fecero irruzione nella sua casa di via don Salvatore Vitale a San Cipriano d'Aversa di certo non credevano di ritrovarci una sorta di museo. 

E' stata assolta Gesualda Zagaria, finita sotto processo con l'accusa di possedere reperti archeologici, in particolare vasi e vasetti, violando così la specifica normativa. La sentenza è stata pronunciata nel pomeriggio dal giudice monocratico Sellitto del tribunale di Santa Maria Capua Vetere.

Il pm aveva invocato 1 anno di reclusione per Gesualda Zagaria ma i giudici, accogliendo le tesi dei difensori, gli avvocati Angelo Raucci e Rosario Avenia, l'hanno assolta. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • La speranza è finita: Fioravante è stato trovato morto

  • Poligono di tiro sequestrato dai carabinieri | FOTO

  • Prima uscita pubblica dei renziani: ecco chi ci sarà a Caserta

  • Il figlio non torna a casa, papà lo trova con gli amici e accoltella un 16enne

  • Blitz di Luca Abete a Marcianise dopo il servizio sul reddito di cittadinanza

Torna su
CasertaNews è in caricamento