Fermato con una pistola, scarcerato gestore del bar

Cennami ha ammesso di aver comprato l'arma da un bulgaro

Scarcerato con l’obbligo di firma di presentazione alla polizia giudiziaria. E’ questa la decisione del gip nei confronti di Andrea Cennami, 39 anni di Mondragone, arrestato nei giorni scorsi dai carabinieri perché fermato in auto con una pistola di marca Beretta calibro 7,65 con la matricola abrasa. Il 39enne gestore del bar-pasticceria Zanzibar sulla strada statale Domiziana a Mondragone, fu arrestato dal nucleo radiomobile dei carabinieri di Mondragone il primo marzo perché deteneva illegalmente la pistola all'interno di una Smart Fortwo a lui in uso e di proprietà della moglie. L’indagato, rappresentato dagli avvocati Edmondo Caterino e Ferdinando Letizia ha spiegato agli inquirenti che lo stesso giorno dell'arresto aveva acquistato per strada per la cifra di 100 euro da un cittadino bulgaro l’arma a scopo di autodifesa perché essendo titolare dell'esercizio commerciale sulla strada statale Domiziana di frequente si verificavano furti e rapine. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento