Roccobabà e vino in carcere per Cosentino, annullata la condanna alla moglie

Sconto di pena anche per il fratello e l'agente di polizia penitenziaria

Nicola Cosentino e Marisa Esposito

Annullata dalla Corte di Cassazione la condanna per corruzione a carico di Marisa Esposito, moglie dell’ex sottosegretario Nicola Cosentino. La donna era stata condannata a 2 anni e 4 mesi col rito abbreviato per la vicenda relativa ai regali portati in carcere al marito grazie alla ‘mediazione’ del fratello Giuseppe e di un agente della polizia penitenziaria. Anche questi ultimi due hanno vista annullata la condanna relativa alla corruzione, anche se resta confermata nel resto: 4 anni a Vitale, 2 anni e 6 mesi per Esposito. Secondo la ricostruzione dell’accusa, i fratelli Esposito riuscirono a far entrare all’interno del carcere dove era detenuto Nicola Cosentino la mozzarella, un Ipod, un roccobabà e del vino.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Nei verbali di Schiavone jr spunta il nome di un altro big della politica

  • Cronaca

    L’Antimafia sequestra villette e conti correnti al ‘professore’

  • Cronaca

    Condannati in 7, ma viene annullata la confisca

  • Cronaca

    Vandali in azione nel vicolo dedicato a Marzaioli | FOTO

I più letti della settimana

  • Fuga da Caserta: in un anno sono "scappate" oltre 12mila persone

  • Anziana "torturata" in ospedale: denunciati medici ed infermieri

  • Furgone travolge la struttura del Ponte di Ercole | FOTO E VIDEO

  • Una discoteca vicino l’Eurospin. In aula scoppia la nuova polemica

  • Il sindaco incassa la tangente del capoclan: 100mila euro nascosti nella sua borsa da medico

  • Arrestati 2 fratelli casertani: in Colombia per la cocaina della 'Ndrangheta

Torna su
CasertaNews è in caricamento